APPUNTI SULLA VIOLENZA

Questi sono gli appunti per una delle Conferenza sullo stalking, ne ho fatto almeno 6 dal 2000 in poi, su mobbing, violenza di genere e non . Per chi sia interessato...

"Voi volete parlare dello stalker o dell’assassino o della vittima o del violento! Io parlo di un contesto di stalking o di un contesto patogeno in cui si sviluppano determinate relazioni inappropriate che prevedono che ci sia una vittima, un persecutore. Ci sono certe caratteristiche di entrambi che si diramano e che come delle calamite si attirano in una maniera oserei dire irresistibile; certe volte al punto tale da far sembrare sia stalker che vittime di stalker, vittime.
Questa è la prima riflessione.
Non è da capire soltanto quello che passa dalla testa dello stalker, occorre capire la relazione di stalking e se noi non capiamo, non entriamo nel labirinto del comportamento umano, nelle radici di questo comportamento e la descrizione precisa dei fatti, non riusciremo mai ad avere l’unico vero rimedio.
Io chiedo scusa alla Legge se posso sembrare sfiduciata ma non bastano le leggi e la gravità delle pene a far cessare certi comportamenti, pensate a tutto quello che è stato propinato nel corso di millenni dal "taglio" fisico delle parti del corpo più svariate. Ci sono dei trattati di tortura e anche di martirologia che descrivono la storia dei martiri e di beatificazioni -non a caso perché i martiri sono passati attraverso situazioni analoghe un po’ tutti - potremmo dire!
Quindi primo punto: cominciamo a riflettere sulle relazioni e non sulle persone vedendole come individui separatamente come se le loro storie individuali siano tali senza intersecarsi con le altre storie.

Secondo punto: si parla sempre di uomini ma ci sono anche donne stalker e non sono poche e ci sono anche donne assassine, sono molte di meno perché per fortuna la prolattina ci difende spero e credo, però solo fino alla menopausa!
La prolattina ci difende da questa tendenza alla violenza che fa parte del DNA più squisitamente maschile.
La violenza psichica invece, fa abbastanza parte anche delle modalità di comportamento femminile, però è chiaro che la stragrande maggioranza delle vittime sono donne.

Terzo punto: non sono tutte storie vere! Ci sono molti falsi mobbing, cioè (questo non viene mai ripetuto abbastanza). C’è una finezza: “stalk” significa “intrappolare” . La trappola e' la sequenza relazionale e fa scattare un contesto in cui c’è una persona che riesce a intrappolare un’altra, perché letteralmente “stalk” significa “appostarsi”, così come “mob” significa “accerchiare”. Quindi per tutti e due i termini sono inglesi.
Io preferisco per “mobbing” il termine “abuso istituzionale” che secondo me è infinitamente migliore, devo dire pero' che il termine “mob” descrive l’accerchiamento di tante persone contro una, mentre il termine “stalk” descrive meglio la persona singola. Se qualcuno di voi ha il coraggio di vederlo c’è “Amabili resti”, che è un film eccezionale che fa capire al meglio come si possa costruire una trappola in cui, in questo caso un serial killer, tende ad imprigionare la sua vittima. Come se fosse un animale selvatico. Lui attirava le bambine vittime costruendo un rifugio sotterraneo di giocattoli e giochi.

Quindi occorre esaminare il contesto di relazione.

Quarto: Riconoscere il ruolo dell'ansia come danno psichico e il fatto che provoca quello che e' il minimo comune denominatore di qualunque situazione psicopatogena: l’isolamento! e qui possiamo agire con la prevenzione. La vittima si rinchiude e viene rinchiusa come in una prigione.

Quindi come difendersi? Vi racconto la storia di Franca.
E qui devo dire un’altra cosa un po’ sgradevole: forse la mia esperienza più eclatante di stalking è stato il caso di una paziente il cui nome con tutti gli appellativi possibili e immaginabili, stava su tutti i muri della città, dalla rotonda del lungo mare fino al Di Cagno Abbrescia! Nome, cognome, indirizzo, qualifiche, capacità sessuali, tipo di prestazioni, telefono… Ad un certo punto dopo anni di insulti murari questa signora Ha tentato di suicidarsi ed era arrivata nel mio Centro di salute mentale. Che fare? psicoterapia e psicofarmaci? non bastava! occorreva cancellare gli insulti!
un’altra volta Don Chisciotte ho fatto una serie di lettere al Sindaco, Procuratore della Repubblica, Polizia, Carabinieri…alla fine ho tolto gli indugi, perché qual era il problema? Tutti dicevano: “che ne sappiamo noi chi è?”, ma come che ne sapete? Questo scrive su tutti i muri della città, c’è un ex marito che le telefona cento volte! Ho scritto perfino al Tribunale dei Minori, sostenendo che era nell’interesse dei figli che venisse fatto qualcosa! Alla fine eroicamente l’ho convocato io in prima persona il presunto colpevole nel Centro di salute mentale di Bari. Il giorno dopo ha "firmato", perché è comparsa una scritta “Maristella,…” con un epiteto che potete immaginare, sui muri esterni del mio stesso Centro!
Mi ero "sacrificata" un’altra volta, però abbiamo avuto ulteriore prova indiretta che era lui e l’abbiamo detto a tutti!
Quando pero' andai dal Procuratore Generale dell'epoca -sono passati moltissimi anni - mi guardò e mi disse: “ noi abbiamo deciso di archiviare”. Siccome sono una donna testarda e non mi fermo, alla fine ho trovato uno, un magistrato, il Dott. Giannella, che ha chiamato il marito e l’ha minacciato e questo l’ha finita!

Allora voglio arrivare a questo: c’è un contesto anche sociale in cui tutti noi abbiamo paura quando succedono queste cose; non è che ha paura solo una persona, hanno paura tante persone, non è paralizzata solo una persona ma sono paralizzate tante persone!

È inimmaginabile che possa accadere quello che è accaduto a loro se non c’è una collusione, che è un meccanismo psichico, per cui si vanno a saldare delle istanze inconsce e anche questa volta mi tocca dire cose sgradevoli, ma dobbiamo dirle, perché il sottofondo della parte della violenza femminile è purtroppo il maschilismo! Queste situazioni sono fortemente connesse agli stereotipi di genere! Gli stereotipi sulle donne e sui deboli sono stati lentamente costruiti in millenni. Anche la psichiatria ne ha costruiti! Anche le religioni! e le leggi!

Vorrei fare un’ultima annotazione su tutte e tre le vittime di cui ho parlato prima : se posso riassumere “troppo buone!”, cioè sono persone eccezionalmente buone e quindi persone così buone devono essere aiutate da qualcuno a distaccarsi!
E qui voglio tirar fuori altre decisive parole: distacco, ambivalenza, rabbia, è lungo questo tipo di perimetro che noi possiamo capire perché la gente fa queste cose, perché il problema vero da cui nascono le perversioni è che l’altro è un oggetto, l’altro è fatto da tanti pezzi, non è una persona intera, ecco perché poi “l’oggetto” può addirittura essere spezzato come una bambola in più parti (non mi piace addolorare ancora il fratello).

Questo accade perché nelle perversioni l’empatia è zero!

Riguardo ciò vi posso consigliare un libro che si chiama “ La scienza del male”, che analizza il motivo della crudeltà, o “La banalità del male”, non c’è neanche bisogno di leggerlo, il titolo dice già tutto!

Quindi la radice di tutte le perversioni è la bassissima empatia, naturalmente sono radici profonde! Io ho curato pedofili, i pedofili dentro sono dei bambini, dei bambini a cui piacciono altri bambini, lo so che questo è orribile da dire, però questa è la radice della pedofilia e fino a che qualcuno non li aiuta a ritrovare questo bambino e a crescere continueranno ad essere pedofili pure che diamo loro 150 anni di galera!
Detto questo, credo che ognuno debba fare la propria parte e credo che, così come io ho fermato di fatto questo stalker, un atteggiamento fermo da parte delle forze dell’ordine o anche dei familiari: “di qui non si passa, perché va a finire male!” possa essere un grande aiuto per evitare tragedie.

Infine un altro mito lo spezziamo: nella stragrande maggioranza dei casi queste persone non sono malate di mente, cioè il fatto che uno sia etichettato schizofrenico in una città in cui ogni due parole una è “pazzo”, quindi per pazzi passano tutti e probabilmente c’è anche del vero ( per sdrammatizzare), non vuol dire che sia pazzo davvero
!
Ma se ha una malattia mentale, che distorce profondamente la sua percezione della realtà', c'è una Legge! la Legge per fare una proposta di TSO e fermarlo! anche le Forze dell'Ordine devono agire. Se non è stato fatto allora deve scattare la denuncia per chiunque a qualunque livello !

Lo stalker si sente a sua volta stalkerizzato, torturato, imprigionato dalla sua vittima che lo tormenta perché' rimane nella sua testa come un chiodo. Su di lei si raggrumano frustrazioni desideri e dolori. Impulsivo, privo di barriere etiche, culturali, familiari, legali, di contesto, di riparo dalla sua impulsività' e dalla sua piena emotiva, spesso passa all'atto: dalle telefonate all'appostamento alle trappole alle calunnie agli insulti alla violenza fisica al femminicidio

Non bastano le Leggi bisogna farle eseguire! Grazie!"

PUBBLICAZIONI

MOBBING: Il ruolo dei cattivi e le possibili difese

mobbing

Leggi l'intero documento cliccando sul pdf sotto riportato.

“Vedo gli asini volar nel Ciel”:

la psicoterapia con animali

pubblicazioni Prof.Buonsante
pubblicazioni psicologia bari

Da qualche anno utilizzo il logo dell’asino con le ali per aiutare la Battaglia della Psichiatria. È stato “pensato” dall’artista Cristina Bari, che ha creato questo mutante nato da un proverbio e un computer.

Perché l’asino con le ali? Nella metafora comune, chi vede gli asini volare, notoriamente, è pazzo, ma allo stesso tempo chi dovesse vedere l’asino del logo su citato e negasse di averlo visto sarebbe pazzo. Ecco, allora, uno dei tanti paradossi in cui la nostra mente si imprigiona e non riesce più ad andare avanti: ci si perde in uno dei tanti labirinti di significati in cui il nostro tipo complesso di comunicazione ci conduce. Ecco, quindi, perché occorre comprendere la malattia mentale: per aumentare la consapevolezza delle radici più profonde del nostro essere umano...

Leggi l'intero documento cliccando sul pdf sotto riportato.

Verso la rete dei servizi

Alla fine degli anni Ottanta nell’ assessorato regionale alla sanità, alle riunioni per il primo piano sanitario della Regione Puglia – mai più deliberato, benchè più che buono -, proposi di spostare la configurazione dei Servizi Socio-sanitari dal concetto di circuito alla configurazione detta a “RETE”. Ero in veste sindacale, con una delega “carta Bianca” della Segreteria regionale comparto sanità di uno dei Sindacati confederali.

Allora vi era in Puglia – poi è mancato per anni – un vivace dibattito, ricco di polemiche, tra le circa 20 persone che lavoravano per la stesura del Piano. “Passò” a larga maggioranza nel Piano, probabilmente per la prima volta in Italia. Ho potuto riscontrare negli anni successivi una lusinghiera fortuna della concettualizzazione, lusinghiera pur nel mancato pieno pubblico riconoscimento alla Scrivente. Talmente lusinghiera perché proprio chi aveva propugnato altre configurazioni, mi dicono, ha poi propugnato a spada tratta detta concettualizzazione come fosse propria. Tuttavia, con sempre maggiore imbarazzo , ho avuto modo di osservare da un lato l’ipertrofia di detta configurazione, dall’altro la vaghezza del Concetto, sicchè nella prassi i Servizi socio-sanitari sono rimasti connessi secondo modalità circuitali...

Leggi l'intero documento cliccando sul pdf sotto riportato.

Stalking

Problematiche e prospettive

Stalking: problematiche e prospettive

Dalla depressione alla disperazione

di Maristella Buonsante

"Di' tutta la verità ma dilla obliqua
La Verità deve abbagliare gradualmente
O tutti sarebbero ciechi." Sono quasi certa che la citazione

... Leggi tutto »

Delitti privati: Se in famiglia cova la rabbia

Intervista di Luca Natile a Maristella Buonsante

Mi fu chiesta nell'hic et nunc un'intervista lampo per telefono, " a caldo", con una metafora truce rispetto all'Evento.  FB con i suoi nostalgici

... Leggi tutto »

La psiche al tempo della precarietà

La precarietà  è insicurezza. Dipende solo dalle condizioni lavorative? No, è una condizione esistenziale che investe l’identità sociale (a sua volta

... Leggi tutto »

Seminario "Tecniche riabilitative per la costruzione di un contesto di relazione"

L'attenzione per la psichiatria, sia del nostro Governo che nelle Istituzioni sociosanitarie è scarsa. Purtroppo invece la psichiatrìa non viene dimenticata

... Leggi tutto »

Il testamento biologico

Il problema, in generale, riguarda la nuova schiavitù.
Il termine può sembrare eccessivo, ma quando la manipolazione raggiunge il livello del corpo,

... Leggi tutto »

Una Italia donna amata anche dagli uomini

Donne e politica: non per giustizia, nè per pietà, ma per saggezza

Esistono, donne, in tutti i contesti, eccezionali!

Chi non accetta di farsi curare

... Leggi tutto »

L’amministratore di sostegno: dalla legge al know how

Dopo 5 anni di applicazione della Legge, facendo seguito all’Evento formativo dell’AslBA, all'uscita stessa della Legge 6/2004, applicando la metodologia

... Leggi tutto »

Astrea - 2005 - Sull'effimero

"dei matmos"

Ho raccolto l'invito - chiamamolo così che il termine esatto sarebbe "ordine", in sostanza - sotto forma di supplica, di mia figlia di scrivere

... Leggi tutto »

Rivelazione e/e' liberazione in Schwazer

Ancora di più che stimare il coraggio di confessare, gli dobbiamo gratitudine per averci svelato quanto sospettavamo! e cioe' l'enorme noia di allenare

... Leggi tutto »
Share by: