Curriculum professionale
della prof.  Maristella Buonsante
direttore u.o.c. Area Centro di Salute Mentale di Bari ASLBA

 

 

 

 

PRESENTAZIONE DEI TITOLI

 

 

Nata a Triggiano (BA) il 23.3.1951; diploma in maturità classica; laureata, con lode, in Medicina e Chirurgia nel 1976; abilitata con 110/110 alla professione. Specializzata in Psichiatria con  il massimo dei voti e lode nel 1980, è anche psicologa – iscritta all’Albo degli Psicologi dal 1994 e psicoterapeuta –iscritta all’Albo degli Psicoterapeuti dell’Ordine dei Medici  e a quello dell’Ordine degli Psicologi.

Ha seguito negli anni di formazione vari trainings psicoterapeutici. Tra gli altri con i grandi Solomon Resnik, (semiologo, psicoanalista Kleiniano, docente alla Sorbona) un training biennale di Analisi Istituzionale  e Alice Von Platen (psicoanalista iscritta alla Società Psicoanalitica Tedesca, un Training biennale in Tecniche di Terapia di Gruppo) e vari anni di Scuola di psicoterapia sistemica e relazionale, dunque anche Familiare (De Giacomo, Pierri).

Proprio nel  maggio‘78, anno di promulgazione della legge “180”, in qualità di Medico Interno, Specializzando ed Esercitatore  della Clinica Psichiatrica dell’università fu inviata presso il C.I.M. provinciale nella sede storica di Bari in via Amendola, dietro richiesta specifica del Direttore, per assistere i sempre più numerosi pazienti dei quartieri di Bari e provincia. Nel contempo per molti anni successivi ha continuato a frequentare la Clinica Psichiatrica sia nei reparti, che nell’Ambulatorio, anche per Consulenze per le altre Cliniche del Policlinico, nel Centro di Terapia Familiare dell’Università come docente quindi come attività clinica, didattica e di ricerca.

La stessa prassi operativa per la formazione e direzione di un Centro di Salute Mentale,  in cui si è impegnata dalla fine degli anni ’70, partendo da una Legge quadro, la “180” (“Degli Accertamenti e Trattamenti Sanitari Obbligatori” del ‘78 ), le ha permesso la ricerca di una metodologìa per la cura dei pazienti in particolare gravi sul territorio, cioè la “costruzione di un contesto terapeutico”.

Questo percorso è descritto nelle pubblicazioni.

 

Un percorso a vari livelli di analisi dei vari livelli, costruzione di metodi, prassi, insieme di trincea e riflessioni per un nuovo sapere-know how, nuovo in tutto il Mondo, poichè l’avventura italiana della demanicomializzazione è stata la prima, storicamente, nel Mondo.

 

Di fatto il vero impegno curricolare è stato proprio quello dell’attuazione della Legge 180 in Puglia e dunque, da pioniere, in Italia, attraverso i vari livelli:

 

 

amministrativo (deliberativo e legislativo stesso, locale e regionale, per il ruolo  anche sindacale –confederale-)

 –gestionale (rispetto alla costruzione di un contesto socio sanitario per gli psicotici, per la chiusura dei manicomi e alla stessa metodologìa di formazione della nascenda complessa equipe interdisciplinare), sì da avere un feedback per correggere errori del sistema terapeutico complessivo

-terapeutico (diagnosi, psicodiagnosi testistica, terapia, psicoterapia, individuale, familiare, di gruppo. istituzionale)

riabilitativo  (applicazione su molte centinaia di pazienti di metodi originali per la psicoriabilitazione di gravi e cronici)

formativo per gli operatori del settore (specializzandi di psichiatrìa e psicologìa clinica, sin dal 1980 ) nella metodologìa di cura territoriale–anche attraverso tirocini nel CSM– e le altre figure professionali, attraverso numerose docenze in tutti gli ambiti delle discipline scientifiche sul comportamento umano normale e patologico, anche in contesto giuridico

-di riflessione scientifica ultratrentennale su metodi, processi, esiti e infine  attraverso una ricca produzione scientifica, anche con certificazione di Eccellenti Esperti sul rilevante impatto sulla Comunità Scientifica, testimoniata anche dalle numerose citazioni internazionali su Internet, in particolare per lo studio con Falloun della validazione delle psicoterapìe, su Acta Psichiatrica Scandinavica, citato nelle bibliografie perche’ tra i primissimi lavori di validazione delle psicoterapie.

    –divulgativo attraverso mass media, ovvero di prevenzione primaria dei disturbi psichici, attualmente anche attraverso trasmissioni televisive locali e nazionali su temi rilevanti per l’assistenza psichiatrica.

Dunque su Cura, Riabilitazione, Prevenzione, metodi e teorie sui disturbi psichici. Ultimamente in stampa validazione con test e retest di CIOMPI – su 185 pazienti -di Tecniche Riabilitative a forte impatto sullo stile di vita.

Questo ha anche reso possibile un percorso d’interfaccia con le altre professionalità del Sistema Sanitario e in genere con le Agenzie Sociali del territorio (in nuce, “la rete dei servizi” che peraltro è concetto pubblicamente coniato dalla Scrivente in una Riunione Regionale degli Anni Ottanta), con soggetti del “Privato Sociale” – sia con le strutture intermedie storiche come ACLI-EPASSS che con L’Obiettivo, prima cooperativa sociale pugliese -; e’ stato infatti attestato, in particolare per il contributo metodologìco e formativo per le strutture Residenziali.

E, naturalmente, con i Familiari e pazienti, che sono stati aiutati a formare le prime Associazioni.

 

E’ la stessa cronologìa delle pubblicazioni e dei seminari a far fede dell’impatto sulla Comunità scientifica e degli Operatori.

Fondamentale il confronto con  Esperti nei differenti settori delle Scienze ed Arti che hanno il comportamento umano normale e patologico come fulcro d’interesse.

 

 

 

Dal ‘77 al ‘79 nell’ambito del Centro Provinciale di Riabilitazionecome convenzionata – ha lavorato nel campo di  neuropsichiatria infantile.

In qualità di Assistente di Psichiatria dal 1979, in Clinica Psichiatrica e sul territorio.

Aiuto di Psichiatria Responsabile del Servizio Territoriale Picone Poggiofranco, nella USL BA/9, dal 1985. Equivalente alla direzione di un CSM.

Dal 1990 titolare di Modulo “Coordinamento Igiene Mentale”, per avviso pubblico bandito dalla USL BA/9

È descritto in varie pubblicazioni l’itinerario complesso di “costruzione” scientifica del Centro di Salute Mentale (già CIM e SIM).

Nel 1987  –sessione 1986 – ha conseguito idoneità nazionale per Primario di Psichiatria.

Nel 1992 dopo pubblico concorso  ha frequentato il triennio del Dottorato di Ricerca in “Scienze delle Relazioni Umane”.

Nel 1994 ha partecipato all’avviso pubblico per la nomina di Direttore Generale delle UU.SS.LL. e I.R.C.C.S. indetto dalla Regione Puglia su G.U. 4° serie spec. n. 89 dell’l1/11/1994 ottenendo l’idoneità.

 

Dal 1996, le è stato affidato dal Direttore Generale Ba/4 anche il Presidio di Salute Mentale di Adelfia con circa 130 pazienti all’anno, (oltre quello di Picone Poggiofranco) diretto fino a giugno 2001. In quell’anno circa 500 pazienti frequentanti il centro, a bacino d’utenza di 70.000 abitanti.

Dal gennaio 1999 le è stato affidato dal Coordinatore DSM AUSL Ba/4 la direzione dell’assistenza psichiatrica per i cittadini dei quartieri di Japigia Torre a Mare, che ha seguito fino a giugno 2001.

Dal giugno 2001 le è stata affidata la direzione del Presidio di Via Dei Mille 29 per l’assistenza psichiatrica dei quartieri di Carrassi, San Pasquale, Mungivacca, che insieme a quella dei quartieri di Picone Poggiofranco è stata designata, in delibera AUSL Ba/4, Centro di Salute Mentale n.5,

Oggi dirige il piu’ grande di Centro di salute mentale, forse, d’Italia, con oltre 4000 pazienti all’anno. Il lavoro terapeutico è stato caratterizzato da un elevatissimo turn over di pazienti acuti e cronici.

Detta mole di lavoro è stata di molte migliaia di pazienti.

Numerosi gli attestati di ampia soddisfazione di utenti e familiari per i risultati conseguiti e di vartie Associazioni Familiari.

 

Ha insegnato dal 1980 -ed insegna – nell’Università di Bari in vari Corsi, Scuole di Specializzazione, diplomi di “laurea breve”, in particolare della Facoltà di Medicina e Chirurgia, nonchè nella Scuola Superiore di Sicurezza e Servizio Sociale dell’Amm. Prov.le Ba., ed, infine, per molti anni nella Facoltà di Giurisprudenza, a Diritto Sanitario (vedi elenco TITOLI I).

Socio Fondatore della Prima Scuola pugliese – Centro Interdisciplinare di Ricerca e di Intervento sui Sistemi Umani – riconosciuta dal Ministero competente (MURST) di formazione di Psicoterapeuti ed Esperti sulle modalità di comunicazione umana, normale e patologica ed equivalente ad una Scuola di Specializzazione di Psicoterapia. Di conseguenza, in automatico sono state riconosciute alla sottoscritta migliaia di ore- in quasi un decennio- di attività di terapia, diretta o attraverso organizzazioni di seminari e simposi anche di altri illustri terapeuti, nonché supervisione, su famiglie, coppie, singoli, in terapia.

Socio Ordinario –Didatta – e già membro degli Organi Direttivi della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale, che ha sede in Roma, per oltre 15 anni, che ha raccolto oltre 15 anni fa, le 5 più importanti scuole nazionali, tra cui CIRISU, di Psicoterapia Relazionale e Sistemica.

In qualità di membro della Commissione Etica ha collaborato alla stesura del Codice Etico della Società, forse il primo in Italia, ha inoltre lavorato in Commissione Didattica, Scientifica e per l’ammissione attraverso esami dei nuovi Soci Ordinari, per il loro ingresso come didatti nella Società.

Socio Fondatore, (nel Direttivo e Tesoriere) della Società Italiana di Terapia Familiare, confluita nella SIP (Società Italiana di Psichiatrìa)

Già componente del Consiglio Regionale di uno dei Sindacati Confederali più rappresentativi della Sanità, e già Coordinatrice per la Psichiatria dal 1989 al ‘94 con deleghe delle Segreterie Regionali dei Comparti Sanitari, ha contribuito a stesure di delibere e al primo Piano Sanitario Regionale (mai uscito), nonchè alle battaglie istituzionali a pieno campo per sussidi, riabilitazione, sedi, personale, mezzi strutturali, demanicomializzazione, per procacciare le risorse da sempre negate alla Psichiatria. Nel 2003 anche da altro importante Sindacato Sanitario, la responsabilità regionale della Psichiatria e alla Psicologia.

Autrice di oltre 88 pubblicazioni.

Coautrice di un libro: Psicoterapìa e oltre (1994)

Alcuni scritti sono visionabili su www.maristellabuonsante.it,  www.maristellabuonsante.wordpress.it, siti personale avviati già nel 2004

 

In qualità di esperta nel campo delle Scienze delle Relazioni Umane  è stata invitata in Centri privati e Unità Sanitarie Locali in Italia e all’estero, per condurre seminari e conferenze in merito a varie tematiche e per la formazione degli Operatori SocioSanitari (anche nell’ex Ospedale Psichiatrico di Trieste già diretto da Franco Basaglia, fondatore del movimento antimanicomiale italiano, con il primo Seminario di Psicoterapìa, in un contesto fino allora ostile alle “tecniche”, nel privilegio di una lettura “sociale” ) negli anni ’90, in particolare per l’applicazione della psicoterapia relazionale nella prassi dell’istituendo “territorio psichiatrico”.

È stata invitata in qualità di relatrice in Congressi Regionali, Nazionali ed Internazionali (vedi attestati), ivi compresi quelli della Società Italiana di Psichiatria, di Psicologia.

Ha organizzato numerosi importanti Congressi, nazionali ed internazionali tra cui in Bari “Psicoterapia e oltre: i modelli relazionali in diversi contesti”.

Per aggiornamento la Scrivente ha partecipato altresì ai principali Congressi Internazionali di Psicofarmacologia (Venezia, Monaco di Baviera, Stoccolma nel 2005), ai Congressi Nazionali della S.I.P. e di Psichiatria Biologica e di Psicoterapia, anche ECM.

Tematiche centrali della propria ricerca sono state l’elaborazione di adeguate metodologie per la cura delle gravi malattie mentali quali schizofrenia, autismo, depressione, caratteropatie, disturbi alimentari, nonché concettualizzazioni a chiave di Costruzione di Contesto Patogeno e Costruzione di Contesto Terapeutico, di Interventi Multilivello, progettati dopo una Decodificazione Multimediale dei Sintomi (1991).

È, invece, del 1988 il contributo del concetto di Rete dei Servizi, introdotto dalla Scrivente nella prima stesura del Piano Sanitario Regionale (mai uscito), in contrapposizione al concetto di Circuito assistenziale. E’ stato descritto  ciò nel contributo “Know how di rete” pubblicato sul n.31 del 2005 di Laboratorio Educativo Meridionale per l’Europa (LEM) ed. Laterza Bari.

Nel 1992 ha elaborato il concetto di Metafora Concreta patogena fattore (seminario a Torino in Centro Privato e pubblicazione in NPS, nel 1993 e Atti di Congressi 1996).

Nel 1997 le è stato attribuito il Premio Antigone 1996 a Bari, con la seguente motivazione “Per le alte doti professionali e per la grande capacità di operare quotidianamente con costanza, con grande impegno e con passione, in un ambito complesso ed irto di difficoltà come quello del disagio psichico. Per aver costruito da pioniera, nell’applicazione della innovativa legge italiana contro l’isolamento manicomiale, un contesto terapeutico di alto profilo grazie all’elaborazione di una metodologia adeguata”.

Ha elaborato sin dal 1984 metodologie per le nascenti strutture intermedie, descritte nelle prime pubblicazioni italiane in merito (Annali Ministero Sanità, on web).

Si segnalano altresì contributi  negli anni 1989 – 91, nel campo dell’Etica, e della salute mentale (vedi pubblicazione del 1991, forse la prima in Italia rivolta alle famiglie, più volte ristampata con vari editors, nel 2001 per LEM ed. Laterza, e in versione WEB, con certificazioni autorevoli sul rilevante impatto scientifico.

Si segnala l’attività, per invito, spesso di famiglie seguite in psicoterapìa, in conferenze cittadine, di  divulgazione di svariate tematiche inerenti i disturbi psichici, la comunicazione, la legge 180 rivolte a studenti, ad associazioni culturali svariate, in parrocchie. La finalità, far crescere la cultura e la conoscenza sulle tematiche del comportamento umano normale e patologico., nell’ambito preventivo. Ad es. Sull’adolescenza, ad Ostuni nel 1988, a Santeramo nel ’94. Ad es. “Maschio o femmina? Verso una nuova identità di genere…” nel 2005, a Triggiano. O, nel 2005 e 2006, nella chiesa bizantina di presentazione di un autore – M. Garribba-  come occasione per discorrere di perversioni. O anche per illustrare nuove ipotesi, per es a Bari al Soroptimist 2002 “La violenza nella famiglia: un sistema di ipotesi” per illustrare un metodo di raccolta e di sistematizzazione delle informazioni usuali e inusuali, seguendo il filo dei casi di Erika – Omar e di Cogne (vedi webfanzine Eleonora e gli altri su www.maristellabuonsante.it), nel 2006-8 alla Vela e al Comune di Triggiano (anche sull’identità di genere)

Numerose le interviste in tema di psichiatria e psicologìa,  uscite su quotidiani nazionali e locali e su settimanali nazionali e mensili .

Vi sono state presentazioni di libri o  di mostre d’arte di pazienti (G. P. Policastro ha rilasciato intervista su un noto quotidiano) seguiti anni prima in psicoterapìa, come ultima tappa di psicoriabilitazione.

Moltissimi i Seminari per studenti universitari di altre Discipline in intersezione con altre discipline mediche.

Importanti i Seminari per il Centro di Psicosomatica della Clinica Medica (diretto dal prof. Centonze), negli anni ‘Novanta (Referente per il territorio Clinica Medica della Clinica Medica del Policlinico di Bari negli anni Novanta)

per la Scuola di Specializzazione in Igiene (diretta dal prof. Rizzo) (2006)

Seminari interdisciplinari, per es. in Bioetica diretta dal prof. Bellino

in Scienza della Formazione  (importante un Seminario a tre voci, con Ardoino e Russillo, pedagoghi di chiarissima fama), a Bari e a Foggia

naturalmente, per Diritto Sanitario, in cui per anni è stata professore a contratto, fino alla chiusura stessa del Corso.

Per Centri di Psicoterapia privati, in Italia

 

 

 

Ha videotapes di casi clinici in trattamento di Terapia Familiare tra cui si cita n. 10 video su un paziente (E. L.) affetto da una forma di Sindrome Dissociativa, particolarmente interessante perché i genitori del paziente sono ambedue sordomuti ed il lavoro è stato effettuato non solo sul paziente designato ma sulla famiglia allargata con esito estremamente soddisfacente; 16 sedute con la famiglia del Sig. M. J. affetto da Sindrome Dissociativa; 5 sedute con la famiglia del Sig. C. C. affetto da Disturbi del Comportamento; 6 sedute con la famiglia di C. U. affetto da Ciclotimia; 6 sedute con la famiglia di C. D. affetto da Depressione Maggiore; 3 sedute con la famiglia di A. T. affetto da Depressione Maggiore etc. e molte altre, permettendo così una valutazione diretta dei risultati ottenuti. I video sono nel CSM di via Pasubio.

 

Negli anni ‘90 ha organizzato, programmato e gestito “con puntuale rendicontazione” (così certificato dall’allora Direttore Generale ex Ba/11) – finchè vi è stato un budget adeguato attività psicoriabilitativa svolta all’esterno e all’interno del Centro (attività sportive, atelier artigianali, gite, feste, corsi e in genere attività risocializzanti ludiche e culturali) (vedi attestato di tipologia delle prestazioni).

 Specifiche le competenze anche in campo socio-assistenziale e psico-riabilitativo (anche di budget)  (come da certificazione della USL BA/11), dato lo spettro particolarmente esteso di attività del Servizio obbligato alla “presa in carico globale” dei pazienti più incapaci, con indispensabile contatto e coordinamento delle varie agenzie socio-sanitarie preposte alle loro peculiari funzioni (servizi sociali, medicina di base, reparti ospedalieri, Tribunale, contesti di lavoro ecc.).

Ampio il raccordo con il Tribunale dei Minori, su moltissimi casi sistematicamente seguiti e il Tribunale Civile e Penale. Attualmente intenso dopo la riforma dell’OPG, con il nuovo carico dei Pazienti autori di reato.

Con Migranti, Senza fissa dimora, doppie diagnosi, il nuovo imponente carico di lavoro dei CSM italiani.

 

Ha collaborato come ausiliario di Polizia Giudiziaria con la Squadra Minori della Questura di Bari per interrogatori particolarmente problematici di minori abusati o comunque in gravissime difficoltà. Recente un Seminario (nov 2012) per invito del Primo Dirigente della Polizia Postale della Regione Puglia, sulla metodica di selezione delle informazioni centrali, spesso inusuali, nel Polifunzionale della Polizia di Stato, in Bari

 

Particolare attenzione è stata posta nell’ analisi e interventi sulle modalità di funzionamento dell’équipe di lavoro, come “squadra”, ed in genere verso l’obiettivo di maggiore efficacia/efficienza. La Scrivente  elaboro’ specifico questionario sul Burnout, nel 1994, per gli operatori del CSM e di un SERT dello stesso quartiere(allegato nel fascicolo concorso)

 

Ha acquisito esperienza per la comprensione dei meccanismi istituzionali sanitari quale componente di Commissioni concorsuali –per psichiatri, assistenti ed aiuti, assistenti sociali, psicologi – per  dirigenti e per direttori UOC, e per  procedure di gare di appalto e trattative, più nell’aver monitorato il contesto lavorativo di parecchi pazienti, compresi quelli inseriti nella prima cooperativa storica per disabili “Obiettivo” in cui a tutt’oggi lavorano da anni almeno due pazienti. A questa cooperativa, così come alle altre agenzie del cosiddetto “privato sociale”, è stata fornita supervisione e formazione della metodologia adeguata.  E’ stato fornito per molti anni un supporto formativo per gli operatori delle strutture intermedie

In particolare per gli operatori della casa alloggio aperta nel 1984, in via Mitolo, esperienza pilota,  vi fu una co-formazione sul campo, descritta in pubblicazioni in quegli anni.

Nell’ambito del Progetto regionale finalizzato “Curare/riabilitare/lavorare/contare”, nel marzo 2003, ha elaborato un progetto per laboratori professionalizzanti cui corrispondere borselavoro per utenti del Centro, prendendo contatto con Presidente, (l’attuale presidente della Provincia) Segretario e Staff della Camera di Commercio di Bari e con il Team dell’Ufficio Provinciale del Lavoro ricevendo piena adesione (allegata lettera dott. Vincenzo Divella ed altre), formando la rete interattiva lungo cui far scorrere i contenuti di psico riabilitazione attraverso il lavoro. Su questa falsariga negli anni successivi si sono sviluppati progetti specifici di borse lavoro, anche fatti propri da altri operatori di altri CSM.

Dal giugno 2004 ad ottobre 2008 Responsabile dell’U.O. Piano di Formazione Aggiornamento per la Ba/4 e poi Coordinatrice per la Salute mentale, dei Dipartimenti di Salute Mentale dell’ASLBA, mentre ha continuato, tramite lista d’attesa,  un’intensa attività di psicoterapia e psichiatria, per decine di nuovi pazienti e molti altri seguiti per continuità ha presentato, come contributo metodologico il già citato “Know How Di Rete”,  già pubblicato nel 2005 su LEM (e poi ripubblicato su rivista nazionale, con lettera d’encomio del prof. Galli). Ha elaborato Piani Di Formazione 2006 , 2007, 2008, e ha curato l’organizzazione di Eventi a zero risorse dalla AUSL, tra cui: Dall’interdizione all’amministrazione di sostegno, a dicembre 2004, come teorizzato nel 2004 nel Know How di rete, “Il Dipartimento di salute mentale a domicilio” in due articolazioni, E in altri congressi, Nel 2006, nel Convegno “Verso un’emergenza psichiatrica sostenibile Le Relazioni di Aiuto: un problema etico, formativo, sociale

 E “Responsabilità e tutela degli operatori nei contesti di cura della Salute Mentale” (18 e 19 dicembre 2006).

Nel 2007, “Dalla psichiatria: nuovi percorsi e nuovi soggetti: l’Auto Mutuo Aiuto”

Nel 2009, “L’amministratore di sostegno: dalla legge al know how”, e,

soprattutto, In Difesa della salute mentale: Comunicazione nella famiglia (incontri con Associazioni di Familiari e Familiari di pazienti, e pazienti stessi 2008 e 2009.

Ha curato, negli stessi anni, in qualità di membro della Segreteria Scientifica e/o Organizzativa, Congresso Nazionali come quello sulle “Perversioni, diagnosi e trattamento”,  (2005) per cui ha effettuati articoli sulla Gazzetta del Mezzogiorno, e’ stata relatrice e  condotto  Seminari  quale quello su “Lutto aggressività e violenza in psicoterapìa clinica”, ambedue Congressi Nazionali  della Società Italiana di Psicoterapìa Medica, di cui fa anche parte da decenni.

Nel 2005, nella Segreteria Scientifica del Corso di Formazione ECM “Psiconcologìa: basi neuropsicologiche, aspetti clinici, modalità d’intervento” (4 eventi a maggio 2005).

Nel 2006 Segreteria Scientifica del Corso di Aggiornamento ECM “Le relazioni d’aiuto: un problema etico, formativo, sociale”.

 

 

 

Dal 2008 Direttore U. O. C. Centro Salute Mentale Bari Centro dopo avviso pubblico per contratto quinquennale.

 

Dal 2013 a settembre 2015 Direttore UOC Centro Salute Mentale Area 6, per un bacino d’utenza di 9 Comuni (Triggiano, Adelfia, Valenzano, Capurso, Cellammare, Casamassima, Turi, Sammichele, Gioia del Colle), per 150.000 abitanti.

Dal 2015 a tutt’oggi direttore della UOC Centro di Salute Mentale di Bari dell’ASL metropolitana di Bari

 

 

I

TITOLI ACCADEMICI,

DI FORMAZIONE E PROFESSIONALI

 

  • Diploma di Maturità Classica.
  • Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita il 22 luglio 1976 presso

l’Università di Bari con votazione 110/110 e lode.

  • Abilitazione all’esercizio della professione medica conseguita con 110/110.
  • Specializzazione in Psichiatria conseguita presso l’Università di Bari il 17 luglio 1980 con votazione 50/50 e lode.
  • scrizione all’albo degli Psicologi ai sensi dell’art. 32 Legge n. 56/1989 con provvedimento del Commissario del Tribunale di Bari in data 5 gennaio 1990.
  • Iscrizione nell’elenco degli Psicoterapeuti nell’Albo professionale dei Medici-Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Bari e nell’Albo professionale degli Psicologi della Provincia di Bari nel 1994.
  • Frequenza del triennio del Corso del Dottorato di Ricerca in Scienze delle Relazioni Umane presso l’Università di Bari e Roma (Sapienza).
  • Studente di Medicina, ha frequentato con assiduità il corso di Psichiatria del Professor Rinaldi, Direttore prima della Clinica Psichiatrica a Bari, poi quella di Napoli.
  • Training biennale di Analisi Istituzionale con Salomon Resnik
  • Training biennale di psicoterapia di gruppo condotto negli anni 1977/78 e 1978/79 dalla ssa Alice Von Platen presso l’Istituto di Clinica Psichiatrica dell’Università di Bari, di formazione per la terapia analitica di gruppo secondo il metodo di S.H. Foulkes.
  • Dal 1977 ha iniziato la formazione in Psicoterapia Relazionale sotto la guida del Piero De Giacomo e del Professor G. Pierri presso la Clinica Psichiatrica dell’Università di Bari, conseguendo anche, nell’anno accademico 1978/79, l’attestato del Corso di Aggiornamento e Cultura in “Terapia Familiare e relazionale” autorizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione presso l’Istituto di Clinica Psichiatrica dell’Università di Bari.
  • Tirocinio clinico semestrale effettuato presso la Clinica Psichiatrica del Policlinico di Bari nel 1977 riportando giudizio di “Ottimo”.
  • Dal 2.11.77 al 5.3.79 medico in rapporto di convenzione) presso il Centro Provinciale per la Riabilitazione di Bari.
  • Medico interno della Clinica Psichiatrica di Bari, ha lavorato nei reparti e nell’ambulatorio anche di Terapia familiare.
  • Dal giugno 1979 al 1985 assistente di Psichiatria presso l’Amministrazione Provinciale di Bari, allora competente per i Servizi di Igiene Mentale.
  • Nel 1982 -83 ha coordinato l’équipe e l’assistenza psichiatrica dei quartieri Pasquale – Carrassi di Bari.
  • Dal 12 giugno 1985 Aiuto di Psichiatria presso la Unità Sanitaria Locale BA/9 (Policlinico), Responsabile del Servizio di Salute Mentale PiconePoggiofranco, (equivalente a direzione CSM)
  • Ha conseguito nella sessione del 1986, idoneità nazionale per Primario di Psichiatria.
  • Coordinatore del Modulo di Coordinamento Igiene Mentale ASL BA/9 Picone Poggiofranco dal 01/12/90 ad ottobre 2003.
  • Dal 1984 ha formato e diretto la prima Casa Alloggio per adolescenti con grave psicopatologìa, fino al 1998.
  • Nel 1994 idoneità regionale per direttore generale USL e IRCCS
  • Dal 1996 al giugno 2001 ha diretto anche il Presidio di Salute Mentale di Adelfia su incarico del Direttore Generale della ASL Ba/4.
  • Nel 1997 “pesatura” di Responsabile di struttura a vacanza primariale
  • Dal gennaio 1999 al giugno 2001 ha diretto l’èquipe preposta all’assistenza psichiatrica di Japigia Torre a Mare su incarico del Coordinatore DSM per l’ASL Ba/4.
  • Nel 2001 concorsi pubblici per direttore CSM Ausl BA/4
  • Dagli anni ‘80 al 2003 collaborazione con la cooperativa “Obiettivo” per l’inserimento lavorativo dei pazienti.
  • Dal giugno 2001 ad ottobre 2003 dirige anche il Presidio di Via Dei Mille 29 Bari preposto per l’assistenza psichiatrica dei quartieri di Carrassi San Pasquale Mungivacca, dunque il Centro di Salute Mentale n.5, così come fu diviso il territorio dalla AUSL BA/4, seguendo la distrettualizzazione.
  • Dal maggio 2004 ad ottobre 2008 dirige l’U.O. Coordinamento Formazione per i Dipartimenti di salute Mentale dell’ASLBA.
  • Da novembre 2008 a tutt’oggi per vincita di pubblico concorso e contratto quinquennale Direttore dell’u.o.c. Centro di Salute Mentale Bari Centro, per le tre circoscrizioni di S.Nicola Murat Picone Poggiofranco Carbonara Ceglie Loseto
  • da settembre 2013 al 2015 direttore UOC Centro di Salute mentale AREA 6 per un bacino d’utenza di 150.000 abitanti (9 Comuni)
  • dal 2015 a tutt’oggi direttore del Centro di Salute Mentale di Bari dell’ASLBA

II

TITOLI DIDATTICI E SCIENTIFICI

 

  • Docente nell’anno accademico 1980/81 di “Psicopatologia” nella Scuola di Specializzazione in Criminologia Clinica dell’Università di Bari., per 20 ore di insegnamento per anno accademico circa.
  • Insegnamento per gli anni accademici 1981/82, 1982/83, 1983/84, 1984/85, 1985/86, 1986/87, 1987/88, 1988/89, 1989/90 e 1990/91 di “Prevenzione della patologia del comportamento” presso la Scuola di Specializzazione in Criminologia Clinica e Psichiatria forense dell’Università di Bari, con una media di 20 ore per anno accademico. Per la stessa disciplina didattica integrativa per l’anno accademico 1991/92.
  • Didattica integrativa di “Igiene Mentale” per i Corsi ufficiali di “Clinica Psichiatrica I”, per l’anno accademico 1991/92, “Psichiatria” per l’anno accademico 1992/93 e “Psicoterapia nei servizi territoriali” per l’anno accademico 1993/94 per il Corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università di Bari.
  • Insegnamento per gli anni accademici 1982/83, 1983/84, 1984/85, 1985/86, 1986/87, 1987/88, 1988/89, 1989/1990, 1990/1991 di “Psicologia” presso la Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università di Bari e a tutt’oggi, con una media di 20 0re per anno accademico
  • Didattica Integrativa dall’anno accademico 1991/92 e 199293 e 1993/94 nell’insegnamento ufficiale di “Psicoterapia III” (vecchio ordinamento) e dall’anno accademico 1993/94 e 1994/95 di “Psichiatria sociale I” e “Psicoterapia” per 1995/96, 1996/97, 1997/98, 1998/99, 1999/2000, 2000/01, 2001/02, e per 2002/03, 2002/3, 2003/4, 2004/5, 2005/6 a tutt’oggi presso la Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università di Bari, con una media di 15 ore per anno accademico.
  • Docente, negli anni accademici 1983/84, 1984/85 e 1986/87 di “Metodologie e tecniche diagnostiche e di analisi dei dati nel campo delle relazioni umane” e dagli anni accademici 1987/88 e 1988/89, 1988/89, 1989/90, 1990/1991, 1991/2, 1992/3, 1993/4, 1994/5, 1995/6, 1996/7, 1997/8, 1998/9, 1999/2000, 200°/2001, 2001/2002, al  di “Metodologie e tecniche diagnostiche e di analisi dei dati nel campo delle relazioni umane: la “Terapia relazionale nel contesto territoriale” nel Corso di Perfezionamento in “Psicoterapia Familiare e Relazionale dell’Istituto di Clinica Psichiatrica dell’Università di Bari., con una media di 15 ore per anno accademico.
  • Didattica di “Tecniche di intervento psicologico nelle istituzioni” presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell’Università di Bari dagli anni accademici 1992/93 fino a tutt’oggi. Dal 1998 – 99 anche di “Psichiatria”, 1990-2000, 2001-2002, 2002-2003, 2003-2004, 2004-2005, 2005-2006 fino a tutt’oggi, con una media di 20 ore circa all’anno.
  • Professore a contratto di “Psichiatria” presso il Diploma Universitario in Logopedia dell’Università di Bari per l’anno accademico 1994/95,’95 ‘96,’96 ’97, per trenta ore circa all’anno.
  • Vincitrice di avviso pubblico per il conferimento di incarico di insegnamento presso la Scuola Superiore di Sicurezza e Servizio Sociale dell’Amministrazione Provinciale di Bari di “Psichiatria e Igiene Mentale” negli anni accademici 1985/86, 1986/87, 1987/88, di “Psicopatologia”, negli anni accademici 1985/86 e 1986/87, e di “Psicologia dello sviluppo con elementi di psicopatologia” negli anni accademici 1987/88, 1988/89, 1989/90 (ore d’insegnamento nel certificato)
  • Per invito del Rettore dell’ISPA – Universitade Nova de Lisboa, Facoltà di Economia e nell’ambito di un contratto bilaterale di ricerca tra INIC e CNR ha tenuto un Corso basico di terapia familiare nel 1984.
  • Nel dicembre del 1988 ha partecipato ad un ulteriore incontro nell’ambito di uno scambio fra ricercatori. all’ISPA, in LISBONA, per progetti bilaterali di ricerca
  • Socio fondatore del Centro Interdisciplinare di Ricerca e di Intervento sui Sistemi Umani (CIRISU) associazione a carattere scientifico per la promozione della ricerca nel campo delle relazioni umane e della formazione psicoterapeutica, ufficialmente riconosciuta come Scuola di Formazione in Psicoterapia ex art. 3 L. 56/89 con decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica del 10 ottobre 1994 (pubblicato sulla U. serie generale N. 250 del 25.l0.1994)(vedi anche rassegna stampa).
  • Socio ordinario della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale con Sede in Roma, membro del Comitato Organizzativo dei Congressi Internazionali “Il bambino e i suoi sistemi” tenutosi al PalaEur di Roma, come da programma allegato, e “L’adolescente e i suoi sistemi” tenuto a Rimini al Pala Congressi, di rilevante complessità amministrativa, organizzativa e gestionale (Congressi di 2000 iscritti) Membro della Commissione didattica della stessa Società.
  • Dal 1992 al 1994 membro del Comitato di Coordinamento Società Italiana di Psicologìa Psicoterapia Relazionale, organo elettivo Direttivo per cui ha partecipato all’organizzazione dei Convegni di Taormina (1993), Siena (1993) Bari (1994) e al Congresso Internazionale di Sanremo (ottobre 1994) Sono allegati i relativi programmi dettagliati da cui risultano altresì le relazioni attestate dal Presidente della SIPPR. Nell’ottobre 1994 è stata eletta membro della Commissione Etica della Società.
  • Componente del Comitato di Redazione di NEWSLETTER SIPPR
  • Membro dell’ European Family Therapy Association.
  • Socio fondatore della Società Italiana di Terapia Familiare Sistemica e della Società Italiana di Ricerca e di Intervento sulla Famiglia, Sezione Speciale della Società Italiana di Psichiatria (SIP)nell’ambito delle quali ha anche ricoperto cariche nel direttivo e di tesoriere e nel cui ambito ha partecipato all’organizzazione di congressi.
  • Dall’ anno accademico 2000/2001, 2002-03, 2003-04, 2004-05, 2005-06 , 2006-7 e 2007-8 docente nel Corso di perfezionamento in Diritto Sanitario della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bari, nell’ambito del quale ha concorso all’organizzazione di importanti Seminari, nonché come Relatrice (vedi rassegna stampa). Dal 2004 professore a contratto. Ha svolto seminari sulla legge 180, la sua applicazione, discrasìe, i modelli di funzionamento attuali dell’assistenza psichiatrica, sul Mobbing, sull’Amministrazione di sostegno Ha seguito tesi, in qualità di relatrice, per es.“Il trattamento e l’accertamento sanitario obbligatorio nelle patologìe psichiatriche” e “Prevenzione del Burn out nelle istituzioni sociosanitarie”.
  • Componente del Comitato di Redazione di “POLIZIA SICUREZZA PUBBLICA” organo della SIAP, dal febbraio 2006, a tutt’oggi, su tematiche di Psichiatria –assistenza, modelli, teorie, pratiche leggi, procedure

Incarico di docenza nel Corso di Laurea di Tecniche di Riabilitazione Psichiatrica della Facoltà di Medicina e Chirurgìa dell’Università di Bari negli anni accademici 2007/2008, 2008/2009, 2009/2010, 2010/2011 2011/2012 con l’insegnamento di Psichiatria  e di Igiene Mentale (2012) e negli anni accademici 2011/2012  e 2012/2013 anche con l’incarico insegnamento di Psichiatrìa e Igiene Mentale. In questo contesto Relatrice di 10 Tesi di Laurea sulle attivita’ di psicoriabilitazione del CSM, di cui una in corso di pubblicazione. Decine di studenti tirocinanti presso il Centro di Salute Mentale Bari Centro.

2013-2014 e 2014-2015 Psichiatria e Igiene Mentale per il Corso di Laurea in Tecniche Riabilitazione Psichiatrica.

2017-2018 corso di laurea breve,  Psichiatria per Fisioterapia e per il corso di laurea breve di Riabilitazione psichiatrica

 

 

III

TIPOLOGIA DELLE ISTITUZIONI,

PRESTAZIONI QUALITATIVE E QUANTITATIVE,

CASISTICA

 

1) attestato del direttore DSM Ausl Ba/4 e a firma Direttore Sanitario e

2) attestato direttore DSM

3)attestato direttore DSM controfirmato dal Direttore Sanitario ASL BA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ATTIVITÀ INTRAMURARIA

( da ottobre 1998 a dicembre 2005)

 

Ha optato per l’attività intramuraria allargando così il bacino d’utenza e prestazioni. Bacino d’utenza: tutta la Puglia e  Lucania

Numero di pazienti raggiunti: oltre duecento. Distribuzione per patologia: depressioni 30%, psicosi 10%, borderline 20%, disturbi alimentari 5%, nevrosi ossessivocompulsiva e fobica 10%, disturbi da attacco di panico 5%, psicosomatosi 5%, disturbi di personalità 7%, disturbi dell’infanzia e dell’adolescenza 10% (approssimativo), malattie oncologiche ed autoimmuni (1%).

Fatturato complessivo personale da ottobre 1998 a giugno 2003:

€ 270.000,00.

Non sono stati calcolati gli anni successivi

 

ATTIVITÀ DI RICERCA

 

Membro del Gruppo di ricerca guidato dal Prof. Piero De Giacomo, Direttore dell’Istituto di Clinica Psichiatrica dell’Università di Bari, ha svolto continuativamente la propria attività in ricerche, finanziate dal Ministero della Pubblica Istruzione “fondo 60%” dal 1982 a tutt’oggi sul tema “Teoria sperimentazione sui sistemi di soggetti interagenti” .

Ha collaborato inoltre, sempre su programmi del 60%: nel 1983, 1985 e 1986 sul tema “Aggressività nella malattia mentale, studio psicodinamico

nel 1983 sul tema “Nuovi profili Rorschach computerizzati

nel 1984 e 1985 sul tema “Aspetti psicologici e relazionali dell’anziano con particolare riferimento alle situazioni di istituzionalizzazione”;

nel 1985 sul tema “Intelligenza artificiale e tests proiettivi computerizzati

su “Ruolo della famiglia nell’insorgenza e nell’evoluzione delle psicosi infantili” e su

Aspetti relazionali della schizofrenia” nel 1986 e 1987 sul tema “Modelli mappe della mente

nel 1988 “Disturbi funzionali dell’apparato digerente: studio psicodinamico” e su “Comportamenti devianti nelle aree a grande densità abitativa”.

Ha collaborato, inoltre, su programmi di ricerca finanziati dal Ministero della Pubblica Istruzione per “progetti nazionali di ricerca di rilevante interesse per lo sviluppo della scienza” (quota 40%).

nel 1981 sul tema “Teoria e sperimentazione sui sistemi di soggetti interagenti

nel 1983, 1984 e 1985 sul tema “Aspetti relazionali della schizofrenia

nel 1984 su “Applicazioni di nuovi interventi terapeutici in famiglie con membro schizofrenico e valutazione dei risultati

nel 1987 e 1989 sul tema “Terapia della schizofrenia, approccio sistemico

Ha inoltre collaborato alla ricerca sul tema: “Psicometria relazionale ricerca nel campo dei tests relazionali (Progetto bilaterale di ricerca C.N.R. – I.N.I.C. Portogallo),

con citazione personale in articoli pubblicati su riviste internazionali, quali: Psychotherapies, Francia, N. 3, p. 159, 1985; International Journal of Family Psychiatry, U.S.A., 6, p. 247, 1985; J. Psychiat.Biol.Ther., Francia, M.P.H. Editions, Royan, 1985 e altri.

Ha compiuto ricerche bibliografiche nel campo dei tests relazionali, citate in “I tests relazionali in psichiatria e la loro applicazione ipotesi di lavoro” di De Giacomo e Coll., in Atti del XXV Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Vol. 1, 1985.

Una menzione particolare è inoltre fatta al contributo della Scrivente fornito nei gruppo clinico, in quegli anni, come citato dall’autore nella prefazione del libro di P. De Giacomo “Sistemi finiti e interazioni infinite”, Angeli, Milano, 1988.

Argomenti centrali delle pubblicazioni e delle relazioni sono temi riguardanti settori allora poco o nulla esplorati, quali l’ottica sistemica nella organizzazione e gestione dei servizi territoriali, la metodologia di gestione di case alloggio e di comunità, le urgenze e i trattamenti domiciliari, gli interventi relazionali su soggetti portatori di handicap psicofisico, l’applicazione dell’ottica sistemica al trattamento delle psicosi ed alle problematiche dell’infanzia e dell’adolescenza (in particolare l’autismo nell’adolescenza), l’applicazione dell’epistemologia sistemica alla bioetica e analisi e approcci multidimensionali nei contesti socio – sanitari e decodificazioni multimediali nelle psicosi.

Tematiche centrali di ricerca sono state l’elaborazione di adeguate metodologie per la cura di specifiche malattie (depressione, schizofrenia, disturbi alimentari), nonché concettualizzazioni chiave, di Costruzione di Contesto Patogeno, Costruzione di Contesto Terapeutico, Decodificazione Multimediale dei Sintomi (1991), Territorio come Spazio di Relazioni (1983), Flessibilità, Struttura e Comunicazione nei Macrosistemi (1985), Rete dei Servizi (1988), Metafora Concreta Patogena (1992), Sistema di Ipotesi (2000), Abuso istituzionale o Mobbing( 1998, 2000, 2006), oggetto di relazioni, conferenze, pubblicazioni.

È stata in corso dal 1988  ricerca diretta dal Prof. P. De Giacomo sull’applicazione del modello Pragmatico Elementare e delle tecniche di Terapia della Famiglia al trattamento della schizofrenia, secondo un protocollo elaborato in collaborazione con il Prof. Michel Goldstein dell’UCLA (University of California Los Angeles) esperto mondiale nell’approccio psicoeducativo (vedi pubblicazione su “Acta Psychiatrica Scandinavica”) citato in centinaia di bibliografie internazioni visibili su Internet.

Si segnala altresì, come risulta dagli atti del Centro di Via Pasubio, che attraverso lo stesso carteggio burocratico sono stati fatti filtrare nuovi concetti creando le numerose interfacce che il Centro ha poi assunto in questi anni. In particolare si allegano il prot. 108/91 (applicazione della seconda cibemetica ai sussidi), il prot. 44/96 (applicazione dell’ottica multilivello) etc. Negli atti del Centro, in realtà, tutto il carteggio istituzionale testimonia quest’ applicazione delle teorie sistemiche alle istituzioni burocratiche quale leva per operare cambiamenti istituzionali e per promuovere una cultura della Salute Mentale.

 

Componente del Gruppo di Ricerca, anno 2001,  e anno 2002, dul progetto di ricerca finanziabile per Ateneo, del Dipartimento delle Scienze Neurologiche e psichiatriche dell’Università di Bari, Area scientifica 6

“La prescrizione e l’uso degli psicofarmaci antipsicotici nella pratica clinica: aspetti etici, deontologici, psicologici, giuridici ed economici”.

 

È stata invitata nell’ IRCSS di Castellana per contribuire alla ricerca sulle RETI NEURALI e la logica FUZZY, nel 2003.

 

Attuali campi di ricerca sono nell’ambito della Bioetica e  della Scienza della Formazione (vedi attestati dei Direttori del Dipartimento di Bioetica e di Scienza della Formazione), dell’Educazione degli adulti, nel Diritto Sanitario e nelle trasposizioni delle reti concettuali in operative (anche per protocolli operativi),  nella costruzione di contesto patogeno , ovvero abuso istituzionale e mobbing, Strutture Intermedie ed ottica sistemica (1985 ed altri), Psicoterapia e Psicofarmaci (2003), “Psicopolitica: una nuova chiave di lettura della politica” (2003), Know how della Rete dei Servizi (2004), “Verso nuove identità di genere” (2005), “Legge 180/1978 e legge 6/2004 sull’amministrazione di sostegno” (2004), “Formazione di rete e know how di rete nei Servizi Sanitari” (2007)

 

 

 

 

 

ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE E DI                 PSICORIABILITAZIONE

 

Intensa la formazione di metodologìe per la psicoriabilitazione, in modo pionieristico, attraverso attività psicodiagnostiche di rilevazione , oggetto di pubblicazioni e di numerose tesi di Laurea in Psicoriabilitazione di allievi tirocinanti nel CSM Bari Centro.

Oltre 300 i pazienti testati e ritestati con il test di Ciompi.

 

Dalla Carta del Servizio 2012…… (per es.)

“Alla ricerca dell’identità”

 

Nel 2012 sono state svolte le seguenti attività ed eventi:

 

  • Laboratorio di Cineforum
  • Gruppo di Ballo
  • Comunicazione Virtuale: Facebook, giochi interattivi
  • Comunicazione Comica
  • Gruppo di Inglese
  • Corso di Yoga
  • Giardinaggio
  • Stile di vita
  • Itinerari nel territorio pugliese, fra cui gite organizzate a Barletta, Polignano a Mare e Mola di Bari.
  • Concerti ed Eventi fra cui.

A titolo esemplificativo, citiamo, tra gli altri:

– Incontro con il regista Nico Cirasola per la visione e la presentazione di alcuni “dietro le quinte” del film “Focaccia Blues”

– Lezione di “Pizzica” con Andrea&Floriana

-concerto “Autunno in musica” grazie alla disponibilità del cantante David

– Incontro “San Nicola di Bari…tra storia e leggenda” a cura della Dott.ssa Katia Colosimo con seguente visita guidata della Basilica di San Nicola

-Concerto “Prove dell’ Orchestra Chitarre De Falla” grazie alla disponibilità del Direttore Pasquale Scarola.

-Incontro “Il Natale barese nella magia di ieri e di oggi” a cura della Dott.ssa Katia Colosimo con seguente visita guidata all’interno del centro storico barese e dei presepi

– Concertino del coro Gospel Ottavio De Lillo grazie alla disponibilità del maestro Vito Paternoster.

 

Ogni attività è stata preceduta da ampio confronto tra e con i pazienti e per l’acquisizione di nuove informazioni e abilità, secondo la metodologia multilivello illustrata in relazioni e saggi.

 

Nel CSM Area 6, l’indisponibilita’ di un salone polifunzionale blocca le attivita’ indoor.

 

Tuttavia, nel 2015 e’ stata avviata griglia di attivita’, dopo circa 100 test di Ciompi, che contempla:

 

giardinaggio per piante aromatiche in masseria didattica, a Gioia del Colle

 

ginnastica per immagini

 

ciclofficina – per formazione in guide turistiche, riparazione di biciclette, et cet

 

corso di cucina, compreso pasticceria per cupcakes

 

gite e passeggiate per ri-conoscere il territorio

 

bowling

RELAZIONI, CONFERENZE, SEMINARI,

CONVEGNI

 

Intensa e continua è l’attività di aggiornamento in tutti i campi della Psichiatria, Psicoterapia e Psicologia con particolare attenzione alla Psichiatria Biologica, valutabile nell’ordine di centinaia.

Oltre ai Convegni, Seminari e Corsi già citati, Convegni frequentati per aggiornamento

       1995: Convegno di Psicofarmacologia, Venezia

  • 1997: Stage presso il dipartimento di psichiatria dell’UCLA,
  • 1998: Convegno Mondiale di Psichiatria, Madrid
  • 1999: Convegno Nazionale di Psichiatria, Palermo
  • 2001: Congresso European College of Psichofarmacology, di Psicofarmacologia, in Monaco di Baviera
  • 2003: International Congress on Constructivism and Psychotherapy, Monopoli
  • 2004: Congresso European College of Psichofarmacology, in Svezia dal 9 al 13 ottobre 2004 per Comando AUSL
  • 2004: partecipazione al 17° Congresso European College of Neuropsycofarmacology.
  • 2004: attestato di partecipazione al corso di aggiornamento sulle novità dell’ECM.
  • 2004: partecipazione al seminario: “L’oceano borderline. Seconda puntata: i comportamenti estremi”.
  • 2005: partecipazione al seminario: “Disturbi psichici. Apprendimento e buone prassi”.
  • 2005: partecipazione al corso di formazione ECM in qualità di moderatore e relatore sul tema: “psiconcologia: basi neuropsicologiche, aspetti clinici, modalità di intervento”.
  • 2005: partecipazione al corso di formazione in Neuropsichiatria ECM su: “gli anticonvulsionanti, utilizzo in psichiatria nella neurodegenerazione e nell’emicrania” .
  • 2005: partecipazione al corso ECM: “Disturbi affettivi: dalle evidenze biologiche alla specificità della cura”.
  • 2006: partecipazione al Corso di Aggiornamento ECM: “L’Agire Psichiatrico e la Responsabilità Professionale” organizzato dalla Società Italiana di Psichiatria.
  • E altri non citati, pur ECM, per la scarsa rilevanza scientifica, in quanto organizzati da multinazionali per sponsorizzare psicofarmaci.

 

 

 

Si ricordano, fra quelli in cui ha  contribuito come relatrice, Segreteria Organizzativa e/o Scientifica \ per brevità altri:

1980: Relazione sul tema “Terapia familiare con un figlio handicappato” tenuta al VII Convegno Interregionale della Sezione SiculoCalabra della Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile, Catania, 1819 aprile 1980

1983: (con De Giacomo P., Santoni Rugiu A., Pieni G.): Relazione sul tema “Un approccio relazionale alla vecchiaia e alla demenza” tenuta al XVII Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicoterapia Medica, Bari, 1011 dicembre 1983

1984: Seminario sul tema “Interventi domiciliari in  situazione di crisi” tenuto al II Convegno Nazionale “Le prospettive relazionali nelle istituzioni e nei servizi territoriali”, Ferrara, 7 – 9 giugno 1984

 

1984: (con De Feudis R.): Comunicazione al XVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicoterapia Medica , sul tema “Problemi psicoterapeutici nella gestione di una casa alloggio per adolescenti”, Verona, 3 – 4 novembre 1984

1984: Per invito del Rettore dell’Istituto Superior de Psicologia Applicada di Lisbona (Portogallo) ha tenuto in quella sede un “Curso basico de Terapia Familiar” dal 3 al 7 dicembre 1984

 

1985: Relazione sul tema “La terapia relazionale della depressione” tenuta al Convegno ‘Aggiornamenti in Psichiatria Terapia delle diverse for44”ìdi depressione”, organizzato dall’istituto di Clinica Psichiatrica a Bari, 16 febbraio

1985: Conferenza sul tema “Terapia relazionale nei gravi” tenuta ai workshop “Istituzione e approccio relazionale” organizzato dall’istituto di Clinica Psichiatrica dell’Università di Bari e dai Consorzio Provinciale per la Riabilitazione di Bari, Bari, 10 maggio 1985

1985: Relazione sui tema “Approccio relazionale nei grandi sistemi: scuole, centri diurni ...”, tenuta al Seminario di studio su “Interventi di terapia familiare per trattamenti di handicap psicofisici”, organizzato dal CPRITI a Taranto il 20 21 giugno 1985

1985: (con Maffei V.): sul tema “Una casa alloggio multiproblematica”: Comunicazione al XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicoterapia medica, Bologna, 30 novembre1 dicembre 1985,

1987: (con Pieni G., Santoni Rugiu A., De Giacomo P.): sul tema “II nostro approccio al trattamento della schizofrenia”: Relazione al Congr. Int. “Famiglie e schizofrenia”, Bari 1987

1987: Conferenza cittadina dal titolo “L’adolescente e la famiglia tra appartenenza ed autonomia”, al Convegno “Il bambino e la sua famiglia”, tenuta Ostuni, 2425 ottobre 1987

1988: sul tema “Aspetti psicologicorelazionali in portatori di pacemaker”: Relazione al Congresso “Stress e malattie cardiovascolari”, Bari, 1988;

1989: sul tema “Problematiche psicopatologiche dell’adolescenza” relazione al Convegno “Adolescenza Età Rischio”, Roccella Jonica USL 24 Siderno.

1989: sul tema: “A livingin community for adolescents: a systemic metodology for training and management” Relazione al Congr. “Towards an ecology of mind” tenutosi a Budapest, luglio 1989, (poi pubblicato negli annali del Ministero della Sanità);

1989: “The disorder of perception in motherson subsystem in schizophrenia”. Relazione al Congresso “Towards an echology of mind”, Budapest, luglio 1989

1989: Partecipazione al Symposium (Session 303) del VIII Congresso Mondiale di Psichiatria, Atene, ottobre 1989

1989: “Il concetto di relazione in psicosomatica”, seminario tenuto presso la Clinica Medica dell’Università di Bari ii 12.12.1989

1990: Relazione “Rapporti fra l’ottica sistemica e l’ottica basagliana” e segreteria scientifica e organizzativa del Convegno “Ottica sistemica e salute mentale: ordinedisordine, organizzazione, l’interazione mentecorpo nella normalità e nella patologia. L’uso degli psicofarmaci”. Bari, 910 marzo 1990

1990: Seminario “Casi di esperienze di terapie interattive nei Servizi territoriali” nel Convegno “Interventi terapeutici interattivi”, Bergamo, 15 settembre 1990 (Corso di formazione per Operatori della USL);

 

1991: Seminario su “Casi di esperienze di terapia interattiva nei Servizi psichiatrici territoriali”, del Corso di Aggiornamento obbligatorio per operatori dei Servizi di Salute Mentale della USL n. i triestina (nell’ex OS. di Trieste). Primo storico approccio alla psicoterapia degli operatori psichiatrici di Trieste. Trieste 242526 gennaio 1991

 

1993: “Recenti progressi nel campo della Terapia Familiare” Tavola rotonda Seminario di Studio a cura di Clinica Psichiatrica dell’università di Bari presso Auditorium Ordine dei Medici di Bari (marzo ‘93).

1993: Convegno – spettacolo “La televisione è un guscio da rompere”, con Andy Luotto, Bari, 9 dicembre 1993

  1. 1994. “Recenti sviluppi nel campo della psicoterapia relazionale”, in qualità di discussant con F. Kaslov, Bari, 8 – 9 luglio 1994

1994: Conferenza al Rotary Bari Sud su “Costruire con la ceramica un contesto riabilitativo”, Bari, 26 settembre 1994

1994: Seminario di aggiornamento professionale per operatori delle UU.SS.LL. 2 3 7 di Varese, per invito del Commissario Straordinario sulla tematica “Ottica Relazionale e Servizio Psichiatrico Territoriale”.

1995: “Preparazione fisica e psichica alla seconda metà della vita” Convegno a cura di Zonta International Club, Triggiano, sala Consiliare, 4/2/95

1995: “Etica Psichiatria e Terapia Sistemica”: relazione presso Convegno Studi SIPPR “Etica Didattica e Ricerca” in Gubbio 10 – 12 novembre 1995

Partecipazione al Convegno S.I.P. XI, Palermo.

1997 Conferenza Cittadina su invito dell’Associazione “Linea Azzzurra”, Santeramo.

1998: Conferenza cittadina su “La ricerca di sostegno e autonomia dell’adolescente nella rete relazionale” su invito del Lions Club in Andria, 13/5/98.

1999: Relazione “Famiglie inusuali e contesti terapeutici inusuali”, Simposio parallelo SIRIF presso XLI Congresso nazionale S.I.P. Bari (Abstract).

1999: Partecipazione in qualità di Relatore al Congresso Nazionale della SIP “Il modello multifattoriale del comportamento d’ansia e le sue implicazioni in psicoterapia”, Bari 25-29 aprile 1999 in collaborazione con Pierri G., Bellomo A., De Giorgi A.

1999: Invito in qualità di Relatore sul tema “Ecologia e Salute Mentale” al Congresso: “La centralità della Biologia nella civiltà del terzo millennio. Per una società eticamente orientata” a cura dell’Ordine Nazionale dei Biologi programmato in Barletta 16/18 settembre 1999.

2001: Relazione su “Abuso sessuale nei contesti relazionali significativi” tenuto il 16/06/2001 nell’ambito del Corso biennale per la formazione degli operatori addetti ai progetti educativi per l’infanzia e l’adolescenza 2000/2001 organizzato dalla Provincia di Taranto.

2001: Seminario “Il sistema della comunicazione nei rapporti interpersonali” per il Corso di Perfezionamento “Metodi e Tecniche di Ricerca dei Processi formativi” della Facoltà di Scienza della Formazione dell’Università di Bari.

2002: Correlatore al Seminario su “La Clinica della formazione” con il Prof. Ardoino della Sorbona – Università di Parigi e Prof G. Russillo per i laureandi della Facoltà di Scienze dell’Educazione di Bari.

2002: Seminario sul “Mobbing” tenuto nel febbraio 2002 nell’ambito del Corso di Perfezionamento in Diritto Sanitario della Facoltà di Giurisprudenza di Bari (con il Prof G.Ruggeri, Ordinario di Procedura Penale dell’Università di Bari, il prof, Di Berardino ed altri).

2002: Conferenza su invito del Circolo “Soroptimist” sulla “Violenza nella famiglia” tenuta nel dicembre 2002 presso il Circolo Unione di Bari (rassegna stampa).

2002: Segreteria Organizzativa del 36° Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicoterapia Medica ECM: “Lutto, aggressività e violenza in psicoterapia clinica”.

2002: Partecipazione in qualità di relatore al Congresso Nazionale “Perché la psicoterapia conviene” tenutosi a Palermo, 13-14-15 novembre 2002

2003: Seminario su “Psichiatria oggi: tutela dell’individuo o della collettività?”  tenuto il 7 giugno 2003 nell’ambito del Corso di Alta Formazione Permanente e Ricorrente in Diritto Sanitario della Facoltà di Giurisprudenza di Bari (con N. Simonetti, E. Di Berardino) (rassegna stampa).

2005: segreteria scientifica del XXXVIII Congresso Nazionale Società Italiana di Psicoterapia Medica, sezioni speciali seminari per infermieri ed  educatori su: “Perversioni: diagnosi e trattamento”.

2005: partecipazione, in qualità di relatrice, al seminario sul tema: “Disturbi psichici. Apprendimento e buone prassi”

2005: partecipazione al corso di psicogeriatria sul tema: “Interazioni farmacologiche nel paziente anziano”.

2005: partecipazione ai lavori del Convegno ECM su “Abuso e dipendenza da alcool” tenutosi al Centro Polifunzionale del Policlinico.

2006: partecipazione al Corso di Aggiornamento: “Le Relazioni di Aiuto: un problema etico, formativo, sociale”. Organizzato da Associazione “Vita Onlus” di Manfredonia in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari come responsabile Segreteria Scientifica.

2006: Responsabile Segreteria Organizzativa e Scientifica degli eventi di Formazione Obbligatoria per gli operatori dei CSM organizzata in due edizioni nelle giornate del 20 febbraio e 20 marzo 2006 sul tema: “Il Dipartimento di Salute Mentale a domicilio”.

2006: partecipa alla presentazione del libro “Il servizio home-maker”con un intervento sugli aspetti formativi e socio-politici, svoltosi presso la Sala Ordine dei Medici di Bari, 25 ottobre 2006.

2007: interviene nella conferenza interattiva sul tema “Violenza: in casa, nelle istituzioni, sui mass-media. Perché? Che fare” promossa dallo Zonta Club tenutasi presso la sala L. Addante a Triggiano, 16 marzo 2007.

2007: segreteria organizzativa del progetto formativo aziendale della Regione Puglia, ASL Bari “Dalla psichiatria: nuovi percorsi e nuovi soggetti: l’Auto Mutuo Aiuto”, guida il dibattito conclusivo, 29 giugno 2007.

 

2008: partecipazione in qualità di moderatrice al Convegno di Mediterre “Curare Giocando, Guarire Mangiando: psicoterapia con gli animali” svoltosi presso la Sala Leccio della Fiera del Levante, 10 maggio 2008.

2008: partecipazione come relatrice al seminario “180\78 + 309\90) = giornata di studio aziendale sulla doppia diagnosi”, tenutosi a Giovinazzo presso l’Istituto Vittorio Emanuele, 22 maggio 2008.

2008: su: “Crisi della famiglia e benessere dei figli: i procedimenti di separazione” al Congresso “Convivenza Sociale e benessere psicologico”, Bari Aula Magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia, 5 giugno 2008.

2008: partecipa al seminario interattivo “In difesa della salute mentale: la comunicazione nella famiglia” con un intervento su “Le parole chiave della comunicazione” presso la Sede del Consiglio Palazzo della Provincia di Bari, 19 novembre 2008

2008: Relazione sul tema “Psiche” nel Congresso “Psichiatria è/e…Nel mondo della clinica…Che significa?” tenutosi presso la biblioteca De Gemmis Santa Teresa dei Maschi, Bari, 1 dicembre 2008

2010: partecipazione con n.2 relazioni al XL Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicoterapia Medica che si è tenuto a Palermo dall’11 al 13 aprile 2010 (gli atti sono in corso di pubblicazione)

2010: “Stalking: problematiche e prospettive” nel Comune di Bari

2012: Seminario sul tema “Tecniche riabilitative per la costruzione di un contesto di relazione”, Bari, 30 maggio 2012 Aula Balestrazzi, Policlinico.

2013: Seminario sul tema: “Problematiche dello sviluppo: percorsi di prevenzione, diagnosi, presa in carico, intervento”, Castellana 14-17 ottobre.

2014: Tavola rotonda nel Festival di Salute Mentale, Bari, giugno, organizzato dal DSM ASLBA

2014: Seminario interattivo sulla Terapia Familiare nell’ambito del Mese del Benessere Psicologico in Puglia, organizzato dall’Ordine degli Psicologi Regione Puglia, Sala del Consiglio Comunale di Bari. “Percorsi e Problematiche dello Sviluppo tra Servizi, Scuola, Famiglia e Societa’

2015 Poster e video “Progetto Bauhaus”, su un nuovo modello di edilizia residenziale psichiatrica

 

ELENCO PUBBLICAZIONI

 

  • 1980: (con Santoni Rugiu A., Fieni G.).Catania, 1819 aprile. “La terapia familiare con figlio handicappato’ In Atti del VII Convegno Interregionale della Sezione Siculo Calabra di Neuropsichiatria Infantile,
  • 1981: (con Santoni Rugiu A.). “Terapia strutturale nella famiglia con disabile” In: L. Onnis, C. Angiolari, M.G. Cancrini, S. Lupoi (a cura di) “Approccio relazionale e servizi sociosanitari”, Bulzoni, Roma,
  • 1982: (con De Giacomo F., Santoni Rugiu A., Pieni G.), “Terapia relazionale e psicosi “ Ann. Neurolog. Psichiat., 77, 3,)
  • 1983: (con De Giacomo P., Pieni O., Santoni Rugiu A.) “Un approccio relazionale alla vecchiaia e alla demenza.” In Atti del XVII Congr. Naz. Della Società Italiana di Psicoterapia Medica,
  • 1983: (con Scarcella M., Santoni Rugiu A., Pieni O.). “Thérapie familiale dans la violence” In Atti del VII Congresso della European Society of Child and Adolescent Psychiatry su “Aggression and the Family”, Losanna, 48 luglio 1983 (Abstract).
  • 1983: (con Santoni Rugiu A., Celotto N., Carone MG.) “Un’ipotesi di intervento relazionale in soggetti portatori di handicap con difficoltà di integrazione scolastica” In P. De Giacomo e G. Pieni: “Argomenti di Psicologia e Psichiatria”, La Scientifica, Bari, 1983
  • 1983: (con De Giacomo P., Pierri G., Santoni Rugiu A.) “Terapia relazionale e psicosi”, Ann. Neurol. Psichiatr., 77, 57-61.
  • 1984: (con Celotto N., Santoni Rugiu A.).”Aspetti relazionali nella famiglia dell’handicappato” In Atti del i Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicologia, Milano, 2628 maggio 1983 (abstract). In “Psicologia dell’educazione”, a cura di M. Groppo, Unicopli, Milano, 1984 Vol. II.
  • 1984: I Centri d’Igiene Mentale in Puglia. In Puglia Salute, 4, 5, 1984
  • 1984: (con Scarcella M., Santoni Rugiu A., Pieni O.) “La terapia famigliare nell’aggressività” Rassegna di Igiene Mentale, 2, 1984
  • 1985: (a cura di S. Lupoi et Al.) “Interventi domiciliari in situazioni di crisi”. In: “Le prospettive relazionali nelle Istituzioni e nei Servizi Territoriali” Masson Italia, Milano, 1985
  • 1985: (con Scarcella M., Santoni Rugiu A., Pieni U.) “La terapia familiare nell’aggressività.”. Rivista Italiana di Neuropsichiatria Infantile.
  • 1985: “L’uso della metafora letteraria in terapia relazionale”: analisi di due casi cimici. Atti del X=VI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. Il (Abstract)
  • 1985: (con. De Donatis T. e Margari F.) “Strategie di intervento in sistemi con membro schizofrenico orfano di padre” . Atti del XXXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. Il (Abstract)
  • 1985: (con Santoni Rugiu A.). “Terapia relazionale con handicappati fisici e psichici gravi: considerazioni teoriche” Atti dei XXXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. Il
  • 1985: (con Santoni Rugiu A.). “Terapia relazionale con famiglie di handicappati fisici e psichici gravi: due casi clinici” Atti del X=VI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. 11
  • 1985: (con Santoni Rugiu A., Pierri G., Di Lillo A.). “Disfunzioni nella relazione della coppia genitoriale e disturbi dell’alimentazione: un intervento relazionale in una coppia divorziata” Atti del XXXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. II
  • 1985: (con Margari F., Santoni Rugiu A.). “Un caso di anoressia mentale maschile” Atti del XXXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. 11 (Abstract)
  • 1985: (con Pieni U. e Santoni Rugiu A.). ‘Ansia individuale e ansia sistemica nelle famiglie a transazione schizofrenica” Atti del XXXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 2126 ottobre 1985, Università degli studi di Milano, Vol. Il
  • 1985: “Interventi domiciliari in situazioni di crisi” Estratto da “Le prospettive relazionali nelle istituzioni e nei servizi territoriali” a cura di S. Lupoi, A. De Francisci, C. Angolari. – Masson editori Milano 1985
  • 1987: (con Pieni G.) “Il sintomo quale modalità comunicativa non verbale nell’anziano”. Abstracts del III Congr. Naz. della Società Italiana
  • 1987: Psicogeriatria, Sorrento
  • 1988: “L’adolescenza dell’autistico.” In P. De Giacomo e M. Searcella (a cura di) “Terapia dell’autismo infantile, La scientifica, Bari 1988: (con De Feudis R.) “ Problemi psicoterapeutici nella gestione di una casa alloggio per adolescenti.” In F. Petrella (a cura di) “Modelli e tecniche in psicoterapia”, Centro scientifico Torinese, Torino, 1988
  • 1988: (con Renna C., Pieni G., Labriola P.) “La percezione della relazione interpersonale nel paziente schizofrenico”. Convegno Internazionale “New Trends in Schizophrenia”, Bologna, aprile 1988 (abstract).
  • 1988: (con Pieni G.) “In nome del padre: problemi della relazione di coppia determinati dalla presenza di un marito rimasto orfano di padre in piccola età”. Convegno internazionale “New Trends in Schizophrenia”, Bologna, Aprile
  • 1988: II problema della pericolosità sociale in un servizio territoriale. In F. Carrieri (a cura di) “Proscioglimento per vizio di mente e sociale pericolosità”, Schena, Fasano, 1988
  • 1989: L’adolescente e la famiglia tra appartenenza ed autonomia. In “Il bambino e la sua famiglia”, La Piazza Ed., Ostuni, 1989
  • 1989: Epistemologia sistemica e bioetica. In (a cura di Bellino F.): Civiltà tecnologica e destino dell’uomo. Quaderni Miulli, Acquaviva delle Fonti, 1989
  • 1989: (con Pieni G. e Sperindeo A.), “ Relational aspects in the elderly. A psychotherapic approach for applied gerontology.” VI Workshop of International Psychogeriatric Association “Assessment in Psychatrics”, Modena, maggio 1989
  • 1989: (con Pierri G., Renna C., Santoro N.) “ Family relationship in inpatient leukemic children”. Abstract del VIII World Congress of Psychiatry, Atene, 1219 ottobre 1989
  • 1989: “L’ottica relazionale nella terapia delle psicosi croniche.” In O; Rutigliano e F. Vadruccio (a cura di): La terapia delle psicosi croniche, La Scientifica, Bari, 1989
  • 1989: (con Labriola P., Pierri O., Renna C.) “Alcoholism: An ageold ever present problem.” In “The modes of depression: psychobiology and psychodinamics”. Abstract, in: Atti del II International Meeting of Psychopharmacology, Cortina, Milano, 1989
  • 1990: (con Catucci S.) “Psychotherapy of Psychoses.” In “The Elementary Pragmatic Model: Theory and Clinical Applications” (De Giacomo P. Ed.), Symposium del VIII World Congress of Psychiatry, Atene, 1219 ottobre 1989, Elsevier, Amsterdam, 1990 (Proofs)
  • 1990: (con Pieni O.) “ Aspetti clinicoterapeutici dell’ansia.” In Albano O. e Centonze V. (a cura di): Argomenti di medicina psicosomatica, Gemi Ed., S. Severo, 1990
  • 1990: (eon Pieni O., Labriola P. e Colucci A.) “Devianza minorile, famiglie e istituzione: considerazioni di una ricerca sul campo.” In C. Loriedo, A. Bianchi (a cura di) “Il bambino e i suoi sistemi), Kappa Ed., Roma, 1990, pp. 711717
  • 1990: (con Pierri O., Renna C., Santoro N.), “Il bambino problematico: valutazione attraverso il Family Attitude Test di Lidia Jackson.” In C. Loriedo, A. Bianchi (a cura di) “Il bambino e i suoi sistemi”, Kappa Ed., Roma, 1990, pp. 915921
  • 1990: (con Di Lillo A., Santoni Rugiu A., Pieni O.), “Equidistanza, neutralità, partecipazione: una modalità di formazione del terapeuta relazionale.” In “Formazione e supervisione in psicoterapia” (a cura di A. Pazzagli), Centro Scientifico Ed. Torino, 1990
  • 1990: “Le molte ottiche della terapia familiare: problemi di formazione e supervisione.” In “Formazione e supervisione in psicoterapia” (a cura di A. Pazzagli), Centro Scientifico Ed. Torino, 1990
  • 1990: Il tentativo di suicidio nel bambino, Atti del Congresso “Il bambino e i suoi sistemi” Kappa Ed., Roma, 1990
  • 1992: (con Catucci A.), “ Costruzione della realtà e caratteropatia. Ipotesi di un intervento sistemico.” Centro Scientifico Editore, Torino, 1992
  • 1992: “A livingin Community for Adolescents: Systemic Methodology for Training and Management.” Annali dell’Istituto Superiore di Sanità, Vol. XXVIII, 2, 1992, pp. 253256
  • 1992 “Epistemologia sistemica e bioetica.” In “Trattato di Bioetica” (a cura di F. Bellino), Levante Ed., Bari, 1992, pp. 149156
  • 1993: (con E. Facchi e N. Barone), “Vorrei volare alle Hawaii”: intervento multimediale nella crisi psicotica acuta. In “Genitori e figli: la salute mentale nelle relazioni familiari: Atti del I Convegno di Studio della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale, Taormina, 1993
  • 1993: (con De Giacomo P., Pieni U., Santoni Rugiu A.), Psicoterapia interattiva della schizofrenia: metodologia di una ricerca. In “La diagnosi in Psichiatria”. Borla, Milano, 1993
  • 1993: (con De Giacomo P. e Fornaro F.P.), 1993 Caso di anoressia tardiva trattato con psicoterapia interattiva breve. Neurologia, Psichiatria e Scienze umane, XII, 5, 1993
  • 1994: Etica, psichiatria territoriale e terapia familiare. Atti del XXIX
  • 1994: Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria (Abstract), Riccione, 2328 ottobre 1994 (con De Giacomo P., Pieni U., Santoni Rugiu A., Vadruccio F.), 1994: Schizofrenia e terapia familiare: tecniche e risultati. . Atti del XXXIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria (Abstract), Piccione, 2328 ottobre 1994
  • 1994: La metafora concreta patogena: una nuova ipotesi di lavoro. Atti del III Congresso Internazionale della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale “Famiglia: continuità, affetti e trasformazioni”, (Abstract), Sanremo, 1822 ottobre 1994
  • 1994: “L’intervento multidimensionale nella prassi terapeutica del servizio territoriale”. (con Franco G., Facchi E., Mollica A.), Atti III Congresso Internazionale della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale Famiglia-continuità, affetti e trasformazioni” (Abstract), Sanremo 1822 ottobre 1994
  • 1994: L’etica in psicoterapia. . Atti del III Congresso Internazionale della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale “Famiglia: continuità, affetti e trasformazioni”, (Abstract), Sanremo, 1822 ottobre 1994
  • 1991: Suggerimenti alle famiglie in tema di prevenzione dei disturbi mentali. Ed. Basilica Pontificia SS. Medici Bitonto
  • 1993: Intervento sistemico nel lavoro con le Istituzioni sociosanitarie. In atti del I Convegno di Studio della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale, Taormina, 1993 e “Psicoterapia e oltre” a cura di Maristella Buonsante e altri.
  • 1994: La costruzione di un contesto terapeutico in un Servizio territoriale. In atti del III Convegno di Studio della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale, Bari, 1994 (in stampa).

e inoltre:

  • 1994: (con De Giacomo P., Pieni G., Santoni Rugiu A., Vadruccio F., Zavoianni L.) “Un Approccio non Psicoeducativo alla Terapia della Schizofrenia” in Atti del XXXIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Psichiatria,
  • 1994: Riccione Ottobre 1994.
  • 1995: “L’estetica corporea come simbolo comunicativo nella relazione interpersonale” in Atti del Convegno “Anoressia e Bulimia allo Specchio”, Lecce, Settembre 1995. (con Pieni G.) 1996: “Il riposo dello psicoterapeuta: la sindrome del burnout del terapeuta familiare” in F. Piccini e D. Bavestrello (a cura di) “Insuccessi in Psicoterapia”, Franco Angeli ed.
  • 1997: (De Giacomo P., Pierri G. Santoni Rugiu A., Vadruccio F., Zavoianni L.), “Schizophrenia: a study comparing a family therapy group following a paradoxical model plus psychodrugs and a group treated by conventional clinical approach”. in Acta Psychiatrica Scandinavica 1997.
  • 1998: Richiesta e offerta di psicoterapia. Ravenna
  • 1999: (Pieni G., Bellomo A., De Giorgi A.): “Il modello multifattoriale de comportamento d’ansia e le sue implicazioni in psicoterapia” in “Psichiatria ‘99 Atti del XLI Congresso Nazionale Società di Psichiatria”, Bari 25 29 Aprile 1999.
  • 1999: Ecologia e Salute Mentale: in difesa dell’identità individuale. Esame del contesto di “abuso psicologico istituzionale” (il Mobbing) in corso di stampa negli atti del Congresso “La Centralità della Biologia nella civiltà del III millennio, 1999. 2002 : “Suggerimenti alle famiglie per la prevenzione dei disturbi mentali” in “Laboratorio Europeo per la formazione”, rivista a cura di O. Russillo ed altri. 2002. Ed. Laterza.
  • 2000 (con Pierri G., Bellomo A., Roberto G.): Verso una psicoterapia sintomatica: Interventi nella psichiatria di consultazione per problematiche nel primo semestre di gravidanza. Atti del congresso “Dalla comorbilità alla complessità: nuovi percorsi psicoterapeutici” XXXIV Congresso della società italiana di psicoterapia medica, Genova 2-4 giugno 2000.
  • 2000 (con Pierri G., Bellomo A.): Telematic facilities and the increasing association of computer dependance with pathological gambling (The wall street Syndrome). Atti del Congresso “Cognitive psychotherapy toward a new millennium”. Catania, june 20-24 2000 in collaborazione con Pierri G., Bellomo A.
  • 2004: pubblicato in Web Webfanzine dicembre 2004 art.: “Di Eleonora e altri ovvero..togliamo i figli a tutti i clan e torniamo a Sparta” in maristellabuonsante.it
  • 2005: “Know How di rete in rete” del “Laboratorio Educativo Meridionale per l’Europa” n.31 anno 2005 ed. Giuseppe Laterza ed.2005.
  • 2005: Prefazione per Regine d’Argilla di M. Garribba edizione Gius. Laterza 2005.
  • 2005: “Il Comportamento Normale e Patologico nella prospettiva Assistenziale e Bioetica” in XXXVIII Congresso Nazionale Società Italiana di Psicoterapia Medica su: “Perversioni, diagnosi e trattamento”.
  • 2006: “Lo sciocchezzaio sulla legge 180” Art. 21 anno III marzo 2006.
  • 2006: “Verso la rete dei servizi”, pubblicato in maristellabuonsante.it
  • 2006: “Mobbing: il ruolo dei cattivi e le possibili difese” Art.21 anno III n. 28 giugno 2006.
  • 2006: “Verso un’eziopatogenesi del ‘male oscuro’: le depressioni” pubblicato in maristellabuonsante.it
  • “Vedo gli asini volar nel Ciel”: la psicoterapia con animali, pubblicato 1995: “Psicoterapia e oltre: i modelli relazionali in diversi contesti”, Buonsante M., Chianura P., De Giacomo P., Nolè A., Pierri G., Santoni Rugiu A., Conv. SIPPR Bari in www.maristellabuonsante.it
  • 2008: “Vedo gli asini volar nel Ciel”: la psicoterapia con gli animali, pubblicato Città Nostra. E nel sito
  • 2008: “Mobbing e contromobbing”in Rivista SIAP, ottobre. E nel sito

www.maristellabuonsante.it

  • 2008: Collaborazione, insieme a G.Pierri, C.Scrino, A.Macina, M.Marzano ed altri alla realizzazione del volume “La psicologia della salute nelle relazioni di aiuto” Cacucci editore, Bari 2008.
  • 2012: “Psiche al tempo della precarietà”, in “Senza Paracadute” di A. Loconte, Adda editore, Bari
  • 2014: POSTER Progetto Bauhaus, presentato al Festival della salute Mentale, Bari 17 e 18 ottobre
  • 2015:POSTER Progetto Bauhaus, presentato al Festival dell’Architettura, Bari, gennaio

 

 

Casistica Clinica su Videotape:

  1. 10 sedute di terapia familiare per E. L. Sindrome Dissociativa
  2. 16 sedute di terapia familiare per M. J. Sindrome Dissociativa
  3. 5 sedute di terapia familiare per CC. Disturbi del comportamento
  4. 6 sedute di terapia familiare per C.G. Ciclotimia
  5. 6 sedute di terapia familiare per C.D. Depressione maggiore
  6. 3 sedute di terapia familiare per A.T.Depressione maggiore

 

 

 

Citazione su lavori apparsi su riviste straniere:

Psychotherapies, Francia n.3, p. 159, 1985

International Journal of Family Psychiatry, U.S.A., n. 6, p. 24 , 1985

  1. Psychiat. Biol. Ther., Francia, M.P.H. Editions, Royan, 198

 

 

Volumi a cura

1995: “Psicoterapia e oltre: i modelli relazionali in diversi contesti”, Buonsante M., e AA

 

SITI

www.maristellabuonsante.it

maristellabuonsante.wordpress.com

 

SU FB, COME ACCOUNT PERSONALE E COME PAGINE  (Psicopolitica e Psicodesign)

 

RASSEGNA STAMPA PER INTERVISTE

 

 

  • ”Depressi si nasce e si diventa” di Carlo Stragapede – “La Gazzetta del Mezzogiorno”, 29 novembre 1994
  • ”Carlo, 35 anni, ce l’ha fatta: vivevo con la paura del futuro”di Carlo Stragapede
  • “La Gazzetta del Mezzogiorno”, 29 novembre 1994
  • “Una donna in trincea” di Giusi Difrancesco – “Roma”, 8 marzo 1997
  • “Centri Salute Mentale in trincea” di Giuseppe Armenise – “Gazzetta del Mezzogiorno”, 4 aprile 2000
  • “La storia di Vincenzo e del suo entusiasrno. Con lui, disagiati mentali anche allo stadio” di Giuseppe Armenise – “Gazzetta del Mezzogiorno”, 4 aprile 2000
  • Emergenze psichiatriche una questione di telefoni” di Giuseppe Armenise “Gazzetta del Mezzogiorno”, 21 novembre 2000
  • “Il flamenco conquista ottanta nuovi appassionati” di Giuseppe Armenise “Gazzetta del Mezzogiorno”, 6 febbraio 2001
  • “La salute mentale, da marchio infamante a sistema di tutela” di Edoardo Altomare – “Corriere del Mezzogiorno”, 7 aprile 2001
  • “Giornata mondiale della salute mentale” – “Gazzetta del Mezzogiorno”, 7 aprile 2001
  • “Le malattie mentali sono come tutte le altre malattie. Serve la cura e il prendersi cura” – “Bari città”, 7 aprile 2001
  • “Seminario sul Mobbing” “Repubblica”, febbraio 2002
  • “Seminario sul Mobbing” di Nicola Simonetti – “Gazzetta del Mezzogiorno”, febbraio 2002
  • “L’abbattimento del muro del silenzio” di Mariapina Mascolo “Quotidiano di Bari”, 6 ottobre 2002
  • “Psichiatria oggi: tutela dell’individuo o della collettività” di Mariapina Mascolo “Quotidiano di Bari”, 7 giugno
  • “Psichiatria oggi: tutela dell’individuo o della collettività” di Nicola Simonetti  “Gazzetta del Mezzogiorno”, giugno 2003
  • “Psichiatra trasferita, il rione si ribella”, (Corriere del Mezzogirno)
  • “Donne e Politica” intervista con A.Falcolini su Bari Sera 2005.
  • “La burocrazia nemica della psichiatria” di G. Armenise, Bari Gazzetta del Mezzogiorno
  • “Matti ancora da slegare” intervista con A. Calderoni Panorama dicembre 2004.
  • Le donne dell’8 marzo: Maristella Buonsante di F. Albanese in Il quotidiano 8 marzo 2005.
  • “Buone pratiche. L’emergenza psichiatrica e la formazione dei medici a Bari” di E. Altomare “Il Corriere del Mezzogiorno”. 17 dicembre 2006
  • “L’emergenza psichiatrica e la formazione dei medici. Due convegni a Bari. Il corriere del Mezzogiorno, 17 dicembre 2006
  • “Insieme nel pallone”Intervista di Livio Costarella per la Gazzetta del Mezzogiorno, Bari, 30 aprile 2010. per la vittoria del Campionato di calcetto.
  • “Si può fare… musica e teatro. Rassegna tra impegno e volontariato” La Gazzetta del Mezzogiorno 6 gennaio 2011.
  • Con Nico Cirasola nel Centro di Salute Mentale Bari Centro (Gazzetta del Mezzogiorno e Barisera) 3 febbraio 2012.
  • “Salute mentale, dimezzati i centri.” dicembre 2012, N. Pepe
  • “Testimonianza sulla buona sanità.” La Gazzetta del Mezzogiorno, A.Cicoria. 3 gennaio 2013

Ø  “A Bari il Festival della Salute Mentale. A colloquio con la Dr. ssa Maristella Buonsante” , 17 ottobre 2014, MADE IN ITALY, blog

Video su YOU TUBE Progetto Bauhaus sulla edilizia residenziale psichiatrica

 

 

Video sul SUICIDIO (you tube, Quotidiano italiano)

 

 

 

Video su Cibo e Psiche (you tube)

 

video su You tube Antenna Sud su Utero in affitto

et cet

Interviste su varie aspetti della psicoriabilitazione, su Repubblica Bari, Gazzetta del Mezzogiorno, Epolis et cet., svariate, 2015, 2016, 2017

Note su Facebook, account Maristella Buonsante